La meccanica del pane

 25,00

La meccanica del pane
Michele Caccamo
Ed. Castelvecchi

Categoria:

Descrizione

nient’altro in tua presenza
che una gioia infranta
da quell’uomo nervosamente morto
e quando ti chiedo del dubbio
mi sussurri il segreto
del tuo pacifico mondo
e che gli esseri gli altri
non vedono il tuo Amore
il tuo angolo sensibile
e dimenticavo la premura
suprema com’è da sostenere
ma ora sei nel mio cuore bianco
come una mano inalterabile
in quell’altare che genera l’infinito
la sua mente intima

La poesia di Michele Caccamo ha acquistato negli anni una speciale sapienza artigianale. Qualunque cosa abbia scoperto, qualsiasi segreto abbia voluto rivelarci, la sua arte è andata plasmandosi su un universo sempre intimamente minacciato, su mondi né lieti né luminosi, incerti, sfocati, avvolti da una struggente foschia. I suoi versi sembrano ora sgretolarsi, frantumarsi, i ritmi ora legarsi, ora sciogliersi. Il suo sguardo scruta sempre più attentamente gli smarrimenti, le dilatazioni, gli abissi moderni. La sua arte retorica fugge il chiarore aforistico, rifiuta allo stesso modo la parola che fissa le cose, la secchezza intellettuale dello stile, la luce epigrammatica del pensiero. Il titolo raccoglie il suo corpus poetico, quasi trecento liriche in versi sul nostro tempo, sugli orrori della massificazione e sulla ricerca, doverosa e costante, della “bellezza integralmente viva”.

Informazioni aggiuntive

AUTORE

EDITORE

PUBBLICAZIONE

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La meccanica del pane”